Perché si chiama Etna? L’etimologia sul nome della “montagna”

Sai perchè l’Etna si chiama così? Scopriamo insieme l’origine del nome e del vulcano che tanto affascina per le sue costanti eruzioni.

etna nome
Come mai si chiama proprio “Etna”? – CataniaLive.it

Conosciuto anche come Mongibello dai siciliani, l’Etna è uno stratovulano abbastanza complesso,  la sua natura è stata costantemente modificata per le frequenti eruzioni ed attualmente è il vulcano più alto attivo di tutta la placca euroasiatica. Nel 2013, proprio per la sua straordinaria bellezza naturale, è stato inserito nell’elenco dei beni che costituiscono Patrimonio dell’umanità, UNESCO.

Geograficamente, l’Etna si trova nella costa orientale della Sicilia nel territorio metropolitano di Catania. Le sue dimensioni sono notevoli dal momento che il diametro misura oltre 40 km per un perimetro di base di 135 km, occupando a sua volta una superficie di 1 265 km².

In base alla classificazione dei vulcani, l’Etna è stato annoverato tra quelli definiti a scudo ai quali si è sovrapposto uno stratovulcano. Dal momento che è in continuo “cambiamento” l’altezza varia e ad ogni eruzione, la lava si aggiunge a quella pre-esistente creando strati su strati di materiale vulcanico.

Ad ogni modo, le recenti tecnologie, grazie anche agli esperti che hanno lavorato con GPS di ultima generazione, hanno evidenziato che l’Etna è alto 3 357 m, questa misurazione risale al 25 luglio del 2021.

 

Perché Etna? L’etimologia del nome

Etna in eruzione conseguenze
Etna in eruzione – CataniaLive

 

Per ovvi motivi, l’Etna si è formato nel tempo, di era in era, la lava ha creato il vulcano che conosciamo oggi. Mentre per quanto riguarda il nome?

Sull’etimologia della parola ci sono diverse discordanze, in buona sostanza Etna deriverebbe dal toponimo Aἴτνα (Aitna), il cui nome fu attribuito alle città di Inessa e Katane. Altri invece sostengono che Etna derivi dal verbo greco αἴθω (àithō), cioè “bruciare”. Tra le varie ipotesi che risalgono ai tempi dei Greci e dei Romani, non è da escludersi anche l’origine indigena, dove aith-na stava a significare ardente.

Ad ogni modo i vari termini si sono intrecciati al dialetto locale, facendo riferimento al nome Muncibbeḍḍu, ancora oggi utilizzato nella quotidianità. Per quanto il termine sia diffuso e di uso ormai comune, la popolazione in generale si riferisce all’Etna con l’appellativo di “A Muntagna”, la montagna.

La storia di questo vulcano risale alla notte dei tempi, l’Etna continua a dare spettacolo con eruzioni frasi frequenti, ogni anno sono milioni di turisti che scalano “la montagna” e giungere al cratere, collegamento diretto con il centro della Terra.

Alessia Conte

 

Impostazioni privacy